Rimozione tatuaggio: che fare se ti penti?

Rimozione del tatuaggio con Laser Q Switched

La rimozione del tatuaggio è un problema molto comune. Spesso capita di fare una scelta che pensavamo fosse per sempre e che, invece, dopo alcuni anni, rimettiamo in discussione. Ecco cosa fare se poi ti penti

Un problema simile è quello del trucco permanente: un trattamento estetico molto simile al tatuaggio, che a volte ha dei risvolti davvero devastanti. Alla fine molte persone si ritrovano trasfigurate quindi, invece di migliorare, peggiorano inesorabilmente.

Ora però esistono dei trattamenti per mettere fine a questi incubi: appositi laser che, se utilizzati dalla mano esperta di un professionista capace, portano a dei risultati stupefacenti.

Il primo rimedio che ti segnalo è il Laser Q Switched: un laser versatile che può essere utilizzato sia per la rimozione di tatuaggi scuri sia come resurfacing non ablativo (un trattamento per il ringiovanimento cutaneo). Questo metodo, impiegato anche per il melasma, è sicuramente quello da preferire per la rimozione dei tatuaggi scuri perché garantisce i risultati più definitivi.

In alternativa, per la rimozione dei tatuaggi colorati, è utile anche il picolaser. Questo trattamento lavora in modo combinato e ti permette di eliminare diversi tipi di pigmenti colorati, a differenti profondità. Il picolaser ha risultati eccezionali su tutti i tipi di tatuaggi multicolore e sui trucchi cosmetici.

Rimozione del tatuaggio: i tempi

Per rimuovere il tatuaggio sono necessarie dalle 8 alle 12 sedute, in base alla quantità e alla profondità dell’inchiostro. Le sedute devono essere effettuate a distanza di 6 settimane una dall’altra.
Una rimozione del tatuaggio ben fatta generalmente non lascia cicatrici ma possono rimanere delle piccole zone più chiare, soprattutto dove è stato iniettato molto inchiostro, ad esempio sulle linee molto marcate o dove sono stati fatti dei tatuaggi molto pieni, che negli anni successivi si sono uniformati.

Effetti della rimozione del tatuaggio

Un prodotto utile dopo la rimozione del tatuaggio

Dopo ogni seduta laser risulta davvero utile usare l’unguento Ointex Plus per lenire la zona trattata e facilitare la cicatrizzazione dei tessuti. Lo puoi trovare qui: 

Ointex Plus – unguento lenitivo per tatuaggi a base di allantoina – 50 ml 

Ointex Plus unguento lenitivo tatuaggi

A chi rivolgersi per la rimozione del tatuaggio

Visti i risultati ottimali, per questi trattamenti consiglio il dottor Mauro Silvestri che opera presso Centri situati a Termoli (Campobasso), Spoltore (Pesaro-Urbino), Silvi Marina (Teramo), Lanciano (Chieti), Foggia. 

Marina Goldoni

Da sempre amante della bellezza in ogni sua forma, alla ricerca costante di rimedi low cost. Sono attenta anche a tematiche di medicina estetica e sono favorevole alla chirurgia plastica, ma solo con medici degni di questo nome.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *